MAIGRET
di Patrice Leconte
UN ADATTAMENTO CHE RACCOGLIE IN SÉ LE TRE SPICCATE IDENTITÀ DI LECONTE, DEPARDIEU E SIMENON
OGGI (mercoledì 28)
  • 18:30
▼ MOSTRA LA SETTIMANA ▼

Una ragazza di provincia, giunta a Parigi piena di speranze, viene uccisa, e il commissario Maigret, che non conosce neppure l’identità della giovane, ha il compito di individuare il colpevole di quell’omicidio. Nel corso delle indagini il commissario, cui è stato impedito dal medico di fumare l’imprescindibile pipa per via di un problema non identificato ai polmoni, incontra un’altra ragazza di provincia che suscita in lui sentimenti di protezione, la cui vicenda verrà in qualche modo collegata a quella della sconosciuta uccisa. Saranno molti gli indizi da seguire, e porteranno non solo ad identificare il colpevole, ma anche a ricostruire il ritratto di un sottobosco ambiguo e predatorio nascosto dietro la sfavillante Ville Lumière.

Basato (molto liberamente) sul romanzo di Georges Simenon “Maigret e la giovane morta”, Maigret sembra un adattamento classico, al limite del convenzionale, ma può contare su tre grandi risorse portate in dote da altrettante figure maschili.

Regia
Patrice Leconte
Cast
Gérard Depardieu, Jade Labeste, Mélanie Bernier, Aurore Clément, André Wilms
Genere
Drammatico
Durata
89 - colore
Produzione
Francia (2022)
Distribuzione
Adler Entertainment