GLORIA BELL
di Sebastián Lelio
UNA DONNA FORTE E FRAGILE INSIEME CHE SA RISOLVERSI QUANDO TUTTO SEMBRA AFFONDARE
OGGI (martedì 19)
  • 18:30
    VOST
  • 21:30
    VOST
▼ MOSTRA LA SETTIMANA ▼
mercoledì 20
  • 18:30
  • 21:30

Gloria Bell ha cinquant’anni, un marito alle spalle e due figli che non hanno più bisogno di lei. Dinamica e indipendente, canta in auto a squarciagola e si stordisce di cocktail e di danza nei dancing di Los Angeles. Una notte a bordo pista incrocia Arnold, un uomo separato che sogna un cambiamento. Gloria si lancia, Gloria ci crede. Arnold ci prova ma poi improvvisamente non è più là. Volatilizzato fino alla prossima promessa. Per lui il passato è una prigione. Tra amplessi e abbandoni, Gloria finisce al tappeto ma si rialza e balla. C’è sempre nell’idea di un remake la ricerca di un gesto artistico. La necessità di rifare l’originale non è (soltanto) un semplice esercizio di stile e sta lì tutta la sua bellezza, nella vertigine metafisica che rivela: rifacendo la stessa opera non otteniamo mai lo stesso film.

Con Gloria Bell, Sebastián Lelio fa (di) nuovo il suo Gloria, riscrivendo in buona compagnia (Jim McBride, All’ultimo respiro, Gus Van Sant, Psycho, Michael Haneke, Funny Games e molti altri prima di lui) una storia del cinema che racconta sempre la prima volta. Uscito in sala nel 2014, Gloria vince l’Orso d’argento a Berlino e ottiene un consenso plebiscitario.

Al centro del film una donna forte e fragile insieme che sa risolversi quando tutto sembra affondare e risollevarsi quando cade con un bicchiere e una dignità rara. Gloria, interpretata da Paulina Garcìa, incarna nella versione originale la faccia moderna del Cile. Gloria è portatrice sana di un movimento vitale di giovinezza che esplode a Santiago durante una manifestazione studentesca.

Sequenza capitale del film che incrocia sull’Alameda una nuova generazione, che non ha ancora il suo posto, e una vecchia, che non ha più il suo. In questa conciliazione e in questa emergenza di forze vive, come negli ancheggiamenti di Gloria sulla pista, l’autore sogna l’avvenire del Cile. Ma traslocando la sua Gloria a Los Angeles, dentro un’altra cultura e un altro tempo, Sebastián Lelio firma un remake più universale e testimonia la vitalità di un genere più libero di quello che appare. Dirige e prolunga un’opera che lo ossessiona, dandogli un’altra possibilità e facendola risuonare con l’attualità. A restare irriducibile è la donna in primo piano. L’empatia che film e personaggio generano nasce dalla considerazione di una stagione della donna relegata abitualmente in subordine.

Titolo originale
Gloria
Regia
Sebastián Lelio
Cast
Julianne Moore, John Turturro, Caren Pistorius, Michael Cera, Brad Garrett
Genere
Commedia
Durata
102 - colore
Produzione
USA (2018)
Distribuzione
 Cinema